Cerca
Close this search box.

L’intrigante storia del “Giudizio universale” di Michelangelo

Pochi nomi sono sinonimo dell’arte italiana e del Rinascimento come Michelangelo e il suo affresco Il Giudizio Universale per la parete dell’altare nella Cappella Sistina incarna il suo stile e l’approccio dell’epoca all’arte.

 

Non senza controversie, Il giudizio universale fu commissionato da papa Clemente VII 25 anni dopo il dipinto del soffitto della Cappella Sistina e completato sotto papa Paolo III nel 1541.

 

Per questo motivo, il Giudizio Universale viene spesso confrontato con le altre opere di Michelangelo in tutta Italia, tra cui il già citato soffitto della Cappella Sistina, al fine di tracciare l’evoluzione del suo stile e della sua forma nel corso degli anni poiché l’altare era completo quando l’artista aveva 67 anni di età. età.

Inoltre, Il Giudizio Universale è notevole per il cambiamento di prospettiva tra i due papi sotto i quali Michelangelo lavorò con quest’ultimo, Paolo III, avendo tendenze più riformiste rispetto al tradizionalismo di Clemente VII.

 

Per quanto riguarda il tema del dipinto stesso, il giudizio finale non è di per sé una novità nell’arte rinascimentale ed è considerato da alcuni come il soggetto per eccellenza di quel periodo.

Preoccupato della morte, del giudizio e della conseguente vita nell’aldilà, il dipinto mostra un Cristo trionfante affiancato da una Vergine Maria sottomessa che guarda dall’alto le anime salvate mentre i dannati vengono risucchiati dal lato opposto.

Di dimensioni uguali al Cristo centrale sono San Giovanni Battista e poi San Pietro che tiene in mano le chiavi del cielo.

The Last Judgment by Michelangelo

È interessante notare che la parte inferiore dell’affresco raffigura la mitica figura di Caronte che, in questo caso, sta portando le anime dei dannati all’inferno.

Con oltre 300 figure nel dipinto, ci sono più che sufficienti elementi per commentare o speculare sulla loro rappresentazione, ma la rappresentazione artistica di San Bartolomeo è particolarmente interessante sia per la sua natura macabra che per la sua presunta rappresentazione di un 67enne- il vecchio Michelangelo.

Scorticato per la sua fede, Bartolomeo si mostra con un coltello in una mano e la pelle nell’altra. 

A causa delle maree mutevoli durante il papato di Paolo III, ci furono notevoli controversie sull’opera di Michelangelo alla luce della riforma protestante.

Vale a dire, l’uso di figure mitologiche e la nudità nell’affresco hanno causato una certa ira tra il pubblico. Naturalmente, Michelangelo non era estraneo a questo tipo di attenzione e arrivò persino a rappresentare il Cerimoniere di Paolo III, Biagio da Cesena (mostrato come Minosse), come un abitante dell’inferno allo svelamento dell’affresco.